Suor Ancilla

Ancilla

Brianzola doc, segue attivamente il Signore dal 1958. Insegnante di lingua francese, nel 1974 vive il grande incontro con il movimento carismatico cattolico, da poco approdato in Italia.
 
Nel 1976 è l’unica donna nel 1° Comitato Nazionale del RNS (Rinnovamento nello Spirito). Nel 1982 partecipa, come referente per l’Italia, al primo grande incontro ecumenico europeo in ambito carismatico a Strasburgo, dal titolo Pentecoste sull’Europa. Da qui avrà l’incarico per la  prima Montée à Jerusalem nel 1984, con la benedizione del card. Suenens. Si troverà ad animare grandi incontri di preghiera in Italia, in Europa e persino in Vaticano alla presenza di Giovanni Paolo II.

Nel 1986 viene consacrata dal cardinale Carlo Maria Martini, secondo l’antico rito della Consecratio Virginum, con richiesta di “velatio”. Sarà poi una delle prime donne a diffondere e divulgare l’Ordo Virginum in Italia, traducendo testi da amiche belghe, francesi e canadesi. Fino al 1989 vivrà poi un periodo di semieremitaggio nell’antica foresteria dell’Abbazia di Chiaravalle a Milano. Continuerà ad animare gruppi di preghiera e a fare direzione spirituale. Fino ad approdare a Nocetum. Qui intuisce la vocazione del posto: un antico borgo medioevale milanese dalle saldi origini cristiane come centro di accoglienza, aperto alle esigenze della grande città.

Gli amici del passato a cui ama riferirsi sono: santa Caterina, san Domenico, san Bernardo, padre Lacordaire (che aveva studiato appassionatamente alla Sorbonne di Parigi per preparare la tesi) quelli più recenti: Paolo VI (di cui traduce anche una biografia dal francese per i tipi dell’Àncora), il cardinale Suenens (con cui aveva animato un convegno per la Famiglia a Roma), Giovanni Paolo II, il cardinale Carlo Maria Martini con cui intratterrà una costante corrispondenza epistolare, ma anche con Monsignor Luigi Giussani che le aveva detto più o meno così, quando lei era ancora nel Comitato Nazionale del Rinnovamento nello Spirito “se sapremo unire la preghiera carismatica al dinamismo di Comunione e Liberazione potremo fare grandi cose”.

È poi storia attuale quella dell’accoglienza di mamme sole con bambini e il loro accompagnamento per una integrazione sociale nella città. Presidente dell’Associazione Nocetum, nel 2011 è stata insignita dell’Ambrogino d’oro del Comune di Milano dal sindaco Giuliano Pisapia.