Spiritualità

Spiritualita

Nocetum deve molto all’esperienza spirituale di Suor Ancilla che proviene da una solida formazione domenicana, i cui valori sono stati riportati nella nuova Comunità come una continuità e maggiormente rafforzati nella freschezza del Rinnovamento Carismatico.

Scegliendo di vivere in periferia, la specificità è quella di essere sentinelle – custodi alle porte della città, mettendo “la preghiera nella città” e “portando la città nella preghiera”. Riprendendo anche quanto disse il Cardinale Carlo Maria Martini nel 2001 a un incontro riservato alla Comunità dove affidava il compito di intercedere per la grande città. «La vostra missione è quindi di tenere viva la speranza, di aprire il cuore alla certezza della risurrezione di Gesù, di proclamare e testimoniare apertamente che vince la vita, la risurrezione, la speranza, la grazia, il perdono”.
In particolare riprendendo dallo Statuto della Associazione privata di fedeli “Comunità Nocetum”, approvata il 9 luglio 2012:

Art. 3
La Comunità ha una particolare chiamata per:

• l’adorazione incessante;
• una spiritualità monastica vissuta nella città;
• l’evangelizzazione nella potenza dello Spirito Santo attraverso la proclamazione della Parola di Dio e la testimonianza delle sue opere;
• in conformità al can. 233 § 1 del CIC, la Comunità Nocetum promuove le vocazioni al ministero sacerdotale e alla vita religiosa;
• l’ecumenismo, attraverso la preghiera con altre Chiese e Comunità cristiane, ma anche l’apertura al dialogo con i non cristiani secondo gli orientamenti della Chiesa Cattolica universale e diocesana;
• la promozione di un centro di aggregazione cristiana, la realizzazione di iniziative culturali di formazione cristiana;
conmartini
 
• la promozione di comunità di persone capaci di coltivare relazioni stabili di rispetto e di collaborazione ispirati a valori etico-religiosi e di solidarietà sociali;
• la tutela e la custodia del Creato e del patrimonio storico-artistico esercitata attraverso il recupero dei beni ambientali del territorio, in particolare del complesso Chiesetta-Cascina di Nosedo, come antico luogo di accoglienza cristiana.

Art. 4
La missione della Comunità
La missione apostolica della Comunità ha i seguenti obiettivi:

• una matura e continua conversione a Gesù come Signore e personale Salvatore;
• una personale e totale apertura all’opera dello Spirito Santo attraverso l’esperienza comunemente chiamata Battesimo nello Spirito Santo (At 1,8) o Effusione dello Spirito Santo, con l’accoglienza e l’esercizio dei carismi (cfr. 1 Cor 12,13-14 e LG 12);
• una crescita verso la santità attraverso un’intensa vita sacramentale e liturgica;
• la partecipazione alla missione della Chiesa locale e universale;
• una presenza incisiva nella Società, secondo l’appellativo: “Cristiani vivi nella città”;
• ospitalità di persone svantaggiate e a rischio di esclusione sociale;
• attenzione e aiuto a ogni forma di povertà e alle minoranze etniche svantaggiate.