La Chiesetta

La Chiesetta oggi

La Chiesetta dei santi Filippo e Giacomo è il luogo in cui è iniziata tutta l’esperienza di Nocetum. Era il primo sabato di

settembre del 1988 quando Suor Ancilla e un gruppo di volontari entrando per valutare lo stato dell’edificio, scoprirono la bellezza del posto e agli abitanti non molto graditi, che ormai avevano preso dimora, come topi e bisce. Ripulita divenne subito sede per gli incontri di preghiera.

Ricerche storiche evidenziarono poi le sue origini molto antiche. Tali studi negli ultimi anni si sono intensificati mettendo in luce il valore dei reperti archeologici sottostanti il pavimento e gli affreschi di scuola lombarda visibili nell’abside.

Le alterne vicende della Chiesetta di Nosedo, fin dalle sue origini e lungo i secoli, tra vitalità religiosa e abbandono con conseguente degrado, misero in evidenza due momenti storici significativi uno risalente ai primi secoli del primo millennio, dove in questo “piccolo villaggio tre miglia fuori della Porta Romana” i vescovi milanesi e parte della popolazione si rifugiavano per sfuggire alle invasioni barbariche. Il secondo evento conduce ai primi secoli del secondo millennio: 1200-1250 quando alcuni monaci della vicina Abbazia di Chiaravalle vi si stabilirono e costituirono vicino una grangia (antica fattoria).

Nel terzo millennio una prima importante ristrutturazione avvenuta negli anni ’80 ha salvato la Chiesetta dal degrado e dall’abbandono. Ma è stata la preghiera incessante degli anni successivi che l’ha resa viva e in continuità con la storia che l’ha preceduta.

Si deve arrivare al 2012 per assistere ai lavori - conclusi a tempo-record, in poco meno di una anno, sotto la direzione artistica del professore Alberico Barbiano di Belgiojoso. Per risanare l'edificio, aggredito dall'umidità, restaurare i dipinti murali del XIV secolo -portando alla luce dettagli rimasti finora nascosti (a cura di Restauri Villa)- e realizzare gli scavi archeologici che hanno permesso - grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza ai beni archeologici della Lombardia, l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e l'Associazione Nocetum - di far luce sulla storia secolare del luogo (v. il dossier sugli scavi)
 Un impegno scientifico ed economico notevole, reso possibile grazie al finanziamento di Fondazione Cariplo, che ha permesso di concludere i lavori iniziati grazie a un'altra realtà privata, Fondazione Telecom Italia e ad altri sponsor.

La chiesetta dei santi Filippo e Giacomo, rimasta sempre il cuore spirituale della comunità di Nocetum, e bene storico di notevole valore, è sempre aperta ai fedeli e ai visitatori . Questi ultimi sono ora agevolati anche dalla nuova pista ciclopedonale realizzata dal Comune di Milano, che unisce corso Lodi - e dunque il centro di Milano, - all'Abbazia di Chiaravalle e al suo borgo, tratto centrale della Valle dei Monaci.

Gloria Mari, cofondatrice di Nocetum