torna all'elenco

Seminario di vita nuova nello spirito

Articolo tratto dal Giornalino di Nocetum n°1, 2016

IMG7

Caterina Costantino – Mariangela Monga
Associazione Privata Fedeli Comunità Nocetum

 

La nostra Comunità quest’anno propone il Seminario di vita nuova per ricevere il battesimo nello Spirito.

Qualcuno si potrà chiedere come mai visto che abbiamo già ricevuto il battesimo, la nostra comunità senta la necessità di ricevere un ulteriore battesimo nello Spirito. Per rispondere a questa domanda occorre innanzitutto precisare che non si tratta di un sacramento, ma è collegato al sacramento.

Con il battesimo siamo diventati figli di Dio, membra del corpo di Cristo, abbiamo ricevuto la grazia santificante, le virtù teologali e i carismi ma tutto questo a livello inconscio, eravamo molto piccoli e quindi inconsapevoli. Con la cresima abbiamo rinnovato in prima persona l’impegno che i nostri genitori avevano preso per noi il giorno del battesimo. Ma questo non è sufficiente. È come se avessimo ricevuto un enorme tesoro, che è rimasto nascosto.

Intraprendere il Seminario di vita nuova è come andare alla ricerca di questo tesoro per portarlo alla luce e goderne. Dice padre Rariero Cantalamessa: “Quello che chiamiamo battesimo dello Spirito… è un rinnovamento e una attualizzazione della rinascita battesimale, una presa di coscienza e una esperienza forte dei suoi contenuti e delle sue potenzialità”.  E continua con una metafora, “è come se lo Spirito che abbiamo ricevuto sia rimasto atrofizzato, inerte come un braccio addormentato per essere stato immobile per lungo tempo”. L’Effusione o Battesimo nello Spirito è quell’evento che rimette in moto la grazia e i doni di Dio che abbiamo ricevuto nei sacramenti di iniziazione e che sono rimasti pressocché inutilizzati “per mancanza di una fede personale e dell’accettazione cosciente di Cristo come proprio Signore”.

È Gesù che per primo parla di battesimo nello Spirito quando prima di salire al cielo disse agli apostoli: “Giovanni battezzò con acqua, ma voi sarete battezzati in Spirito Santo fra non molti giorni” (At 1,5). Gesù preannuncia la Pentecoste, quell’avvenimento straordinario che trasformò gli apostoli impauriti e smarriti dopo la sua morte in testimoni irriducibili, pronti dare la vita per annunciare il vangelo.

Attraverso il seminario siamo chiamati a fare l’esperienza della Pentecoste. “Quando il giorno della Pentecoste giunse, tutti erano insieme nello stesso luogo. Improvvisamente si fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dov’essi erano seduti. Apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano e se ne posò una su ciascuno di loro. Tutti furono riempiti di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere di esprimersi” (Atti 2, 1-4). 

Cosa significa essere ripieni dello Spirito Santo? Vuol dire fare una forte esperienza di Dio, lo Spirito infatti non è che l’amore tra il Padre e il Figlio e riceverlo, nel giorno dell’effusione, significa entrare in comunione con la Trinita, entrare in questa relazione.

Gli apostoli ricevuto lo Spirito furono presi da una gioia travolgente che li spinse a fare cose che altrimenti non avrebbero avuto il coraggio di fare: uscire dal cenacolo, dove stavano a porte chiuse, e testimoniare Cristo a tutte le genti, che li comprendevano pur parlando altre lingue.

Con il battesimo dello Spirito iniziamo un percorso di trasformazione personale in Cristo che durerà per tutta la vita. Siamo chiamati a dire di no al peccato, cambiando rotta, allargando gli orizzonti e guardando il mondo con uno sguardo diverso, trasfigurato. Siamo chiamati a lavorare nella vigna del Signore, annunciando la Parola e cercando di viverla nella e a servizio della Chiesa.

Il  Seminario ci guida in questo percorso. Si articola in sette settimane: la catechesi settimanale è seguita da un momento di condivisione dove gli effusionandi sono liberi di esprimere come la parola di Dio ha risuonato in loro. Tutto questo accompagnato dalla lettura della parola del giorno proposta nel librettino del seminario.

A tutti coloro che desiderano intraprenderlo non ci resta che augurare: Buon cammino.

Per informazioni sul seminario: info@nocetum.it